Quante volte vi è capitato di andare al supermercato con in testa solo un paio di cose da comprare ed uscire con due bustoni carichi di prodotti di cui non avevate assolutamente un urgente bisogno?
Il tutto rischiando anche, nella fretta mista a confusione, di cedere ad ogni richiesta dei vostri figli.

Secondo uno studio condotto dalle Università Duke, UCLA e dall’università della Florida, riportato dal Journal of Consumer Research, per evitare queste spese esagerate e non programmate, basta una semplice lista di quelle affidateci dalle nonne quando eravamo bambini!

Inoltre, a prescindere dal fatto che il portafogli ne risentirà di meno, la lista ha un impatto positivo anche sulla vostra salute! Il perché? Molto semplice, il non avere una spesa programmata spinge il cervello ad optare per i prodotti che danno piacere e soddisfazione, a discapito di quelli di cui avreste realmente bisogno.

Ai soliti cereali semplici o integrali, si finisce con il preferire quelli ricoperti di cioccolato e soprattutto di bassa qualità! Eh si, perché senza lista ci si sbilancia, non solo sui prodotti “sbagliati”, ma anche e soprattutto, su quelli in offerta, che non sempre risultano essere qualitativamente migliori.

La lista della spesa è anche un modo di coinvolgere i bambini, può essere utilizzata infatti come una caccia al tesoro all’interno del supermercato, in grado di distoglierli dai tanti prodotti ipercalorici e poco nutrienti.

Accantoniamo dunque, per qualche istante, la pigrizia del post lavoro prima di uscire per fare la spesa e progettiamo per bene (anche insieme ai bambini) cosa andare a comprare e partiamo con lo stomaco pieno, per evitare di farci condizionare dalla fame nelle scelte!

Fonti : http://www.ejcr.org/

A cura di Riccardo C.